giovedì 6 settembre 2007

grillo o pinocchio?

Una premessa è d'obbligo. Non ho aperto un blog per dialogare a distanza, tra insulti e calunnie, con grillo o i suoi fans. L'ho fatto per misurarmi con uno strumento sconosciuto (ora meno) e di grande potenzialità che mi avvicinasse maggiormente ai cittadini. E dunque è giusto che vi siano anche i fans di grillo, o chi mi odia, (per la politica o la classe politica che rappresento, non certo credo come singolo individuo). E' giusto. Come è giusto che io mi occupi anche degli altri o che continui il mio percorso sul mio blog per ciò che voglio dire e per gli argomenti che voglio affrontare.

Detto questo vieniamo alle cause di cui si fa patrocinatore il grillo saggio nei miei confronti (e perchè allora non nei confronti dell'intero parlamento che ha votato l'indulto o nei confronti delle centinaia di parlamentari che l'hanno approvato?). Demagogia, qualunquismo, populismo. I mali di questi anni. Il blog di grillo in cui, anche per gli abbinamenti fotografici in cui mi si addita alla pubblica opinione alla stregua di un assassino, ha tuttavia preso una cantonata. Oramai è dato certo che nessun indulto ha rimesso in libertà gli assassini di cui parla il comico (comico?). Più che grillo saggio dunque, pinocchio. Lo scrivo ma in realtà mi interessa poco. Perchè non è l'indulto la causa della delinquenza. Dove vuole arrivare grillo, alla pena di morte? Si mette a capo di un nuovo fascismo del duemila? Si accomodi pure.

58 commenti:

stefano ha detto...

che coraggio che ha signor Mastella...e glie lo dico sia come politico che come individuo...

Anonimo ha detto...

Egregio Signor Mastella,
Grazie di aver creato anche lei un proprio blog.Bello.
Son un fan di Grillo e non penso che il comico genovese sia un demagogo, ne populista ne qualunquista.
Se peccasse di un certo “protagonismo” sarebbe mille volte meglio di uno che aiuta I grandi ladroni d’ Italia come lei Signor Ministro di.. giustizia
Giustizia e Giustiziare non sono la stessa cosa caro Mastella.Nessuno invoca un Robespierre qua.Credo anche lei come Beppe Grillo lo sappia.


Enrico.

Arco ha detto...

Senatore concordo con lei sulla cantonata che ha preso Grillo. Ho anche scritto sul suo blog nel post "foto segnaletiche", che la sta usando come "capro espiatorio" e che certe frasi sono "demagogia pura", fatta questa doverosa premessa secondo me, l'indulto nei termini e nei modi in cui e' stato approvato dal parlamento rimane un provvedimento "Sbagliato" prima dovevano essere affrontati e risolti quei problemi che la giustizia in Italia si porta dietro da anni tipo: certezza della pena, i tempi dei processi ecc. ecc., erano e rimangono le priorita assolute. Il precendete governo secondo me ha perso consenso per le cosidette "Leggi Vergogna" e non solo per queste ovviamente...

Ora Lei che ha capo del ministero della giustizia insieme alla sua maggioranza dovete dare delle "risposte" su questi problemi altrimenti certi attacchi in un certo senso ve li cercate.

La ringrazio per l'attenzione e Le auguro Buon lavoro.

PS:
complimenti per il blog sta utilizzando un ottimo strumento per ridurre le distanze tra istituzioni e cittadini.

Pasquale ha detto...

Mi fa piacere avere la possibilità di "parlare" con lei, soprattutto perchè spesso non sono d'accordo con le sue idee. Vedo che molti continuano a polemizzare con la storia dell'indulto e dimenticano che quelli che sono usciti non erano ergastolani, ma hanno solo anticipato la scarcerazione (personalmente non l'ho apprezzato, ma non mi pare la fonte d'ogni male).
Visto che si cimenta con la rete e con le possibilità che offre l'informatica, non crede che nel suo ministero si poterebbero sfruttare le tecnologie migliorando efficienza ed economia? Ad esempio, non capisco perchè produrre migliaia di fotocopie per avvocati e giudici, quando è possibile fornire un CD (costa molto meno in tempo e denaro) con tutte le migliaia di pagine necessarie e magari usando un formato non proprietario per evitare i costi di licenza, ovvero niente .doc, ma file .pdf.
Sarebbe interesante una risposta.
Buon lavoro!

Joe Maiolino ha detto...

Guardi Fascista ci sarà forse lei. Non parli del fascismo (http://it.wikipedia.org/wiki/Fascismo) senza dare ai lettori, che magari hanno quel periodo storico Italiano meno chiaro la possibilità di capire a cosa allude. Siamo sempre ai soliti giochi di parole con cui, caro On. Mastella, voi della politica vi rinchiudete ed usate per non essere chiari e diretti. Noi (almeno io) siamo dei seguaci ciechi del movimento di Grillo il quale al contrario di voi politici ci ha dato la possibilità di vedere e conoscere anche tramite internet l'altra verità spogliandovi dalle pelli di pecora e farci vedere quelle da lupo. On. Mastella l'Italia deve svoltare e fare piazza pulita di pensieri e modi di far politica anacronistici, lontana dai valori, dai giovani e che non portano a nulla. Voteremo l'8 di Settembre per contribuire a risanare l'Italia che per adesso non ci appartiene.

STRADAioli ha detto...

Sono quello che penso possa essere considerato un cittadino modello, che non crea problemi: non sporco, non sfrutto più di tanto i servizi pubblici che il Paese mi offre, pago regolarmente le tasse.

Sono giunto nel suo blog da quello di Beppe Grillo sicuramente gonfio di un certo astio... Subito gli unici pensieri che mi passavano per la testa non erano, lo confesso, di dialogo. Ma sono un tipo, per quanto Romagnolo e sanguigno, più costruttivo che da piazza... Sicuramente Grillo sa parlare alle masse e sono convinto che lo faccia comunque con fini migliorativi per il Paese; non se ne curi più di tanto, capisco che, sentendosi nel giusto le possa dare fastidio la sua immagine a fianco di quella di criminali, ma si metta anche nei panni del popolino, quello buono: cosa succederebbe se le persone come me si stancassero ti tirare il carretto?

Sono convinto che la legge sull'indulto sia stata fatta perché il budget non permetteva di fare altro ma, PER FAVORE, appena potete, risistemate tutto!!! Ci sentiamo veramente coglionati da questa legge.

GRAZIE e BUON LAVORO

L'Italiano
enrico.STRADAioli
31 anni
Designer

P.S. E' bello sapere che anche i Ministri hanno un blog. Vi rende sicuramente più vicini ad un pubblico come me. Tra l'altro il suo mi è parso particolarmente genuino (ho dato un'occhiata a destra e a manca nei vari posts e non mi è parso di fiutare l'odore di ghost writer...) :)

Simone, Ascoli Piceno ha detto...

Buongiorno sen. Mastella

Francamente capisco la sua tristezza nel vedersi attaccato sul piano prima di tutto personale e poi politico. Al di là degli insulti, credo che l'indulto sia un buono strumento usato in maniera sbagliata. A mio modesto avviso si doveva assolutamente evitare che uscissero dalle carceri anche persone pericolose o potezialmente tali. Il carcere deve essere uno strumento correttivo ancor prima che punitivo ma i cittadini devono essere sicuri che nessuno prima di aver scontato la pena e ancora potenzialmente in grado di deliquere possa uscire così facilmente. La rabbia che Lei riconosce in alcuni commenti a mio avviso nasce anche da una profonda tristezza, da un senso di inquetudine e di impotenza e si alimenta ancor più quando si sente quella frase che troppe volte abbiamo sentito pronunciare: "si poteva evitare".

Gradirei un suo commento.

Cordialmente
Simone

Luigi ha detto...

Sig. Ministro,
mi fa piacere che abbia scelto di confrontarsi con uno strumento popolare come un blog, consapevole delle critiche che avrebbe ricevuto.
Personalmente non seguo il blog di Grillo, ma io e come me tantissimi altri elettori del centrosinistra sono profondamente amareggiato e deluso da questo governo. E da ancor prima che venissero nominati i ministri, da quando ci furono le dichiarazioni di chi voleva un ministero, chi un altro, chi si lamentava che gli accordi fatti prima delle elezioni non erano stati rispettati. Quella situazione imbarazzante mi è restata impressa e ha descritto molto meglio di quanti blog, libri o inchieste possano fare, cos'è la politica oggi.

Un elettore deluso

Camperos ha detto...

Caro Ministro,
Ho già commentato precedentemente un suo intervento,e oggi ho deciso di dire la mia sulla "questione Grillo" che in questi ultimi giorni fa tanto discutere. Premettendo due fatti,ossia che sono da sempre stato contrario all'indulto,ma al tempo stesso non accuso Lei di essere colpevole dei fatti di cronaca che in questi giorni si sono succeduti(Cari blogger,ricordiamoci che non è il Ministro che offre validità giuridica alla legge,ma il Parlamento stesso,quindi smettiamola di fare questa demagogia spicciola e parliamo di cose serie!!!!)Voglio esprimere a squarciagola la mia TOTALE STANCHEZZA nei confronti Grillo,questo "sedicente" salvatore della patria,che è in grado di svelare tutti i mali dell'Italia e trovare una soluzione a tutti i nostri problemi!!!Ma smettiamola con questa "grilliana" pagliacciata,Grillo è solo un falso che porta una rigorosa campagna a favore dell'ambiente e poi lo troviamo in panciolle su una barca( e che barca,tra l'altro!!!)il cui tasso di inquinamento è impronunciabile talmente è alto. E che la barca l'avesse presa in prestito,poco importa!!!E poi la storia del V day...Altro che V day,bisognerebbe fare il V Grillo day!!!Quindi basta accusare il Ministro inutilmente,basta demagogia,basta parole da bambini dell'asilo!!!Spero che ora i commenti di tutti si trasformino e mostrino un minimo di serietà,in modo tale da poter criticare il Senatore sui contenuti,sugli ideali,e non su questi falsi problemi. Per il resto,dopo questo mio sfogo,caro Ministro,la saluto ad un prossimo mio commento sul suo blog.

Andrea Frigo ha detto...

Caro Ministro,
Apprezzo sentitamente il suo gesto di immettersi in rete, qualcosa che dovrebbe fare ogni parlamentare, anzi ogni politico, per parlare direttamente con la gente per cui lavora.
Volevo renderle noto però, che molti delle persone che vengono nel suo blog ad offenderla, non sono "i fans di Grillo", sono cittadini italiani che sono scandalizzati ed esausti per alcune cose che nella loro umanità trovano DISUMANE e INGIUSTE.
Vede queste persone, non sono "i fans del COMICO Grillo" ma sono "I fan DEL UOMO Grillo, della PERSONA Grillo" che mette davanti i fatti e chiede se ci sembrano giusti.

Il problema sta nel fatto che molte persone hanno fiducia più in Giuseppe Grillo che in qualsiasi altro politico italiano, questo denota un problema spaventoso, ci pensi.

andrea rossi ha detto...

Sarei straordinariamente felice se il sig. Grillo (e i suoi presunti milioni di accoliti) dopo l'"attesissimo" Vaffan@@lo day, potesse finalmente dedicarsi a ciò che ardentemente paiono desiderare: governare il paese, nominando i ministri di suo (inteso come Grillo) gradimento e organizzando la nazione secondo le sue (di Grillo) priorità.

Le quali mi appaiono leggermente medievali, ma sbaglierò senz'altro.

A quel punto, caro Ministro, avremmo il piacere di fare il tipo di opposizione che lui preferisce: sputacchiare incitando anche gli altri a sputacchiare.

Dopo qualche mese di cura sono convinto che il Grillo tornerebbe a fare il comico TV. E tutti capirebbero che governare il paese non è un esercizio semplice, specie quando occorre fare decisioni sgradevoli o non di facile comprensione.

Auguri e buon lavoro, caro senatore.

Andrea Rossi
Ferrara

Pietro Berti ha detto...

Egr. Sig. Mastella,
mi chiamo Pietro Berti e ho 33 anni, ho un lavoro stabile e abito in un paese della Romagna. Fra le altre cose, insegno all'università con un contratto a progetto. Certamente Beppe Grillo può piacere o non piacere, e a me piace anche per il suo stile provocatorio. Non condivido il 100% delle idee che propugna, ma questo credo sia normale.

Sarò presente al V-day di Grillo e firmerò la proposta di legge popolare, perchè - come tanti italiani - mi sono stufato dei politici di professione.
Mi spiego: una delle persone che stimo di più è un medico che fa politica attiva da anni, ma non è quello il suo lavoro principale. Per me è strano vedere una persona che di mestiere, e quindi per decenni, passa da un'aula all'altra della politica. Quale può essere la percezione che ha della realtà?
Sono d'accordo che dovrebbe esserci un limite per le legislature in parlamento, così come non dovrebbero sedere in parlamento condannati per reati penali.

Nella situazione attuale, lei converrà che i politici hanno molti privilegi, primo fra tutti lo stipendio. Credo che lei quadagni circa dieci volte tanto quello che prendo io, e molte delle sue entrate sono esentasse perchè catalogate come rimborsi e indennità. Io invece le tasse le pago tutte, e non sono sicuro di avere fra 40 anni una pensione decente. Lei invece avrà un vitalizio sostanzioso a partire da ben prima dell'età pensionabile.
Le sembra giusto?
Con un po' di invidia, la saluto e resto a sua disposizione.
Pietro Berti

alessandro ha detto...

Ministro Mastella, le premetto che sono veramente colpito dal fatto che lei abbia aperto un blog nel quale "discute" veramente con la gente, questo colma almeno in parte la profonda distanza che in genere io "avverto" nei confronti dei potenti e dei governanti.
Io ho pensieri ben precisi e influenzati dalle fonti d'informazione che ritengo valide, il limite è che spesso non posso sapere cosa ne pensa la controparte, e quindi a questo proposito le chiedo:
E' vero che sono stati liberati molti detenuti in più di quello che lei (o il suo staff) aveva previsto?
Ritiene giusto aver inserito alcuni reati finanziari nell'indulto, mi spiego, se uno ha frodato lo stato in vari modi(corruzione, tangenti, evasione etc) che senso ha non farlo andare in galera, qui non si parla di criminali grezzi e spesso istintivi, ma di persone molto istruite che fanno quello che fanno per scopi ben precisi, non fargli scontare la pena non credo serva a nulla, o meglio, mi spieghi lei a cosa serve.
Alcuni “tecnici” hanno detto più volte che sarebbe bastato un'indulto di 1 anno per risolvere il problema delle carceri affollate, non è vero? e perchè?(a valle del procedimento mi sembra che abbiano ragione).
Avrei altre cose da chiederle ma non vorrei approfittare troppo del suo tempo, se mi risponde avrò piacere di continuare a chiederle delucidazioni, che le ovviamente non mi DEVE, però sono incuriosito dalla possibilità di parlare direttamente con un ministro che prende provvedimenti e DECIDE cose che hanno rilevanza determinante, magari anche per la mia vita!
Comunque credo che lei abbia aperto un blog proprio per questo.

P.S. non ho citato le fonti delle mie notizie, ma sono articoli di vari giornali e la Reuters, che secondo me è uno dei più grandi organi d'informazione, almeno sul web.

ingmario ha detto...

Caro Clemente

La seconda puntata di come rifondare la politica (vedi post del 13/08) vedo con piacere che l'hai - o meglio l'avete scritta in questi giorni a Telese. Il malessere che impone alla politica con la P maiuscola di riformarsi è anche nelle parole , io direi alla Bossi, di quel istrione di Grillo.
All'università i professori chiedono sempre 100 nella speranza che lo studente ritenga almeno 10, e parimenti Grillo spara a 100 sul pianista (magari incolpevole) per poter avere quella attenzione di 10 che forse merita di avere.

Cosa vuole in parole povere la gente

1) ridare voce all'elettore col voto di preferenza

2)consolidare il concetto che una coalizione con il 43% e relativo premio di maggioranza è legittimata a governare il paese in una sana alternanza e senza preclusioni di sorta

3)che le coalizioni siano il più possibile omogenee

4)che chi non è adeguatamente rappresentativo sia un movimento e non un partito (soglia di sbarramento)

Per fare tutto ciò occorrono solo due cose

a) modificare l'attuale legge elettorale introducendo il voto di preferenza
b) dare finalmente una casa a tutti i moderati cattolici unitaria magari federata ma sicuramente riconoscibile

Avete cominciato bene a Telese. Spero che non sia un fuoco di paglia ma la nascita della Terza Repubblica basata sulla democrazia del dialogo e del fare contrapposta a quella "Cosa" del contro e della lotta che vediamo tutti i giorni.

Ti faccio i migliori auguri di buon lavoro nella speranza che il cammino intrapreso non si interrompa e che non si dimentichi mai nessuno che la Politica è prima di tutto servizio, dedizione e sacrificio.

Anonimo ha detto...

Onorevole Mastella,mi fà piacere che Lei abbia aperto un blog.ed è con lo stesso piacere che noto che Lei ha deciso di non rispondere a coloro che non si attengono ad elementari regole di educazione.Noto però che,parlando di Beppe Grillo,scrive il suo cognome in minuscolo.Mi dispiace, ma è una caduta di stile, che tra l'altro,Lei ha dimostrato di avere in parecchie occasioni.Non cada in nessuna provocazione, e ostenti educazione e rispetto per tutti.
cordialmente....Michele ct.

Riccardo ha detto...

Spett. Ministro
sono oramai 11 anni che uso internet come mezzo di informazione, e le dico che Lei sta facendo la cosa giusta a sperimentare questo strumento come mezzo di confronto.

Le critiche e anche duri attacchi alla Sua persona le deve tenere in considerazione e le deve accettare senza stare ad impazzire. Non può pensare o pretendere che tutti le scrivano "quanto sei bello...quanto mi piaci...quanto sei bravo...e quanto ti amo". In questo mondo virtuale è assolutamente normale beccarsi anche qualche "vaff..."

La logica di internet è totalmente diversa da quella dei giornali e della televisione, dove un cattivo commento può nuocere. In Internet esistono migliaia di esempi dove persone conquistano grande popolarità rispondendo anche alle critiche più dure e proprio grazie a queste, o lasciare semplicemente che le persone si sfoghino. L'importante è non censurare mai (ad eccenzione di cose particolarmente gravi - es. istigazione alla violenza, pedofilia, ecc. ecc.). Questa è la rete ed è normale. Non tutto il male nuoce. Più le persone si sfogano e più con il tempo le critiche e gli attacchi si affievoliscono.

Il segreto sta proprio nel rendersi "inoffensivo" e "attaccabile" senza alcun genere di "protezione" o "controllo", (magari invitando le persone di tanto in tanto al buon senso e al buon gusto), poichè nella comunità di internet si raggiunge la sensazione di essere più umani e più uguali, e una volta raggiunta questa sensazione con il confronto diretto, subentra di istinto la comprensione e la stima.

Forse non mi crederà, ma sono circa 3 anni che non accendo più il televisore e non compro più giornali (è assolutamente vero! Ed esistono migliaia di cittadini come me, non creda all'auditel). Quello che voglio vedere o leggere me lo scelgo io attraverso la rete e sono molto più informato di chi usa i sistemi "tradizionali". Con internet, oltre a stimolare e sviluppare l'intelletto - se ben usato - si imparano senza neanche rendersi conto le lingue straniere, con la possibilità poi di scegliere di vedere trasmissioni di canali esteri. Le TV e i giornali tradizionali come erano conosciuti non servono più.

Un consiglio vivissimo, disattivi la "moderazione dei commenti", rallenta l'interazione tra gli utenti, induce noia ed è contro lo spirito e la logica di internet.
Distinti saluti
Riccardo

Artemisia65 ha detto...

io l'unica cosa che posso dire del grillo è che l'ho tempestato di missive per cause di primaria importanza. avrei voluto prendesse posizione contro la pena di morte, che facesse sentire la sua voce per il caso parlanti..e cose del genere
mai avuto un cenno di risposta......

Gionata Grass ha detto...

Ministro, premetto che non sono un suo estimatore benchè abbia votato per la coalizione di centro sinistra.

Vengo al punto: sono d'accordo con lei quando dice che non le si può attribuire QUESTO fatto particolare legato all'indulto, mi sembra abbastanza ridicolo e demagogico (come nello stile di Grillo d'altronde).

Ma perchè invece non parliamo del vero problema, la certezza della pena per tutti? E' stato quello il problema principale dell'indulto.
Perchè non si parla di abolire o modificare questi maledetti termini di prescrizione dei reati? Lo sanno tutti che sono una scusa per gli avvocati (solo quelli bravi che solo i ricconi possono permettersi) per prolungare i processi, poi si parla della lentezza della giustizia. Perchè di fatto i 3 gradi di giudizio valgono solo per chi puo permettersi un buon avvocato?

Perchè non modificare la normativa sospendendo il computo degli anni necessari per la prescriione non appena inizia il processo DI PRIMO GRADO ? A quel punto TUTTI (PM e avvocati difensori) sarebbero interessati a far finire il processo quanto prima.

La ringrazio per l'attenzione.

Gionata

Dario Biño ha detto...

Secondo me il blog Lei l'ha aperto perché non potendo parlare di Grillo ai giornalisti non poteva nemmeno difendersi dalle sue accuse. Potere della Rete.

Sono comunque d'accordo sul fatto che ogni tanto il Beppe le spara belle grosse!

Sen.Clemente Mastella ha detto...

E perchè non ne potrei parlare ai giornalisti? Scusi Dario ma non capisco

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Caro Maiolino, postare come ha fatto Grillo la mia foto vicina a quella di due probabili assassini al posto del terzo delinquente è, ad esempio, un atto molto violento e fascista. Se un giornale lo facesse con la faccia di Grillo, stia tranquillo che l'attore chiederebbe fiori di milioni di euro di danni attraverso questa giustizia che lui tanto attacca.

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Caro Maiolino 2: dichiararsi "seguaci ciechi di Grillo", come lei fa, non è altro che confermare la deriva fascista che ha preso l'antipolitica. Fascisti e nazisti non erano forse seguaci ciechi?

Alberto ha detto...

Me lo pubblica questo commento?

Ho sentito anche io Grillo - dai telegiornali. Va da sè, che pareva un po' il Macbeth di Shakespeare: "Un discorso fatto da un idiota, pieno di grida e di furore, e che non significa niente".

Ma quello che piu mi ha sorpreso è il gusto con cui Grillo mandava a fare in c la gente (letteralmente, non metaforicamente), e segnatamente lei.

Ora, io sono convinto che ciò accada perchè Grillo è coraggioso. Ma siccome è di tutta evidenza che tra lei, Clemente Mastella, e gente come certi ben noti terroristi internazionali di stampo islamista o come certi governi fondamentalisti che emettono fatwe, il peggio non è certo lei, mi piacerebbe che il signor Grillo, ai prossimi raduni e in nome della stessa giustizia che gli sta cosi a cuore, quegli stessi vaffa li indirizzasse anche a questi altri personaggi anzichè riservarli solo a dei ministri della Repubblica.

Perchè ho il sospetto che egli sappia essere coraggioso, sì: ma solo dove di coraggio non ce n'è bisogno.
E siccome non è così, sono certo che Grillo potrà dimostrarcelo urlando ai prossimi raduni gli stessi vaffa indirizzandoli a personaggi un po' meno "signorili" di lei.

Antonio ha detto...

Egregio senatore,
volevo solo ringraziarla per quello che sta facendo per il paese e lo dico pur non avendo votato per il suo partito. Non si preoccupi del comico, tanto rumore per nulla, 300mila adepti che firmano e che seguono ciecamente le parole del loro capopopolo non fanno certo paura alla democrazia. Grillo ha fatto un ottimo lavoro di viral marketing, ma non tanto per ilv-day, quanto per i suoi libri, dvd e spettacoli. Fare il populista rende bene, Grillo ne è la prova vivente. Sono addolorato per il comportamento di certi alleati di governo, che alla ricerca di una maggiore popolarità non esitano a schierarsi con l'esibizionista di turno.
Complimenti ancora per la coerenza dimostrataci nella salvaguardia di quegli ideali propri della maggioranza degli italiani.
Con affetto

Annalisa L. Nava ha detto...

Onorevole Mastella,
sono una studentessa di 22 anni e abito nella provincia di Milano. Ho già provato a lasciarLe un post, che a mio parere non conteneva nulla di potenzialmente offensivo, ma Lei non deve essere stato della stessa opinione, in quanto non è mai stato pubblicato...amen.
Le dirò la verità. Forse Lei si sarà sentito insultato dal mio post, anche se ho solo detto quello che pensavo e in toni molto pacati; io, però mi sento insultata da Lei. Si rende conto, vero, che se Lei al momento governa e percepisce uno stipendio enorme, lo deve solo ai cittadini, vero? (questo per sottolineare il fatto che, benchè dica di no, Lei è un nostro dipendente). Da quello che Lei scrive sul Suo blog (iniziativa che trovo meravigliosa, comunque: è davvero bello che un uomo politico trovi un modo di confrontarsi con i cittadini), sembra che Grillo sia un millantatore e bugiardo, un qualunquista, che con il suo modo di fare da "simpaticone" sia riuscito a convincere gli italiani che questo governo non funziona. Signor Mastella, Lei ha dato dei pecoroni agli italiani...guardi che alle conclusioni di Grillo ci eravamo già arrivati tutti, ma non avevamo i mezzi per renderle note anche a Voi. Grillo ha solo dato voce al nostro malessere.
Un'altra cosa...tra i commenti del Suo precedente post, ad un certo punto Lei risponde con un "ma vi siete bevuti il cervello?"
. Le dirò...non l'ho trovato molto carino....
Gradirei conoscere una Sua opinione. La ringrazio anticipatamente.
Buona giornata
Annalisa L. Nava
Desio -MI-

Francesco ha detto...

On. Clemente Mastella,

come altri sono contento di questa sua iniziativa sulla rete. Almeno possiamo, per una volta, rivolgerci direttamente a lei senza intermediari. Detto questo, mi permetta di esprimere la mia opinione sulla legge indulto, di cui lei viene ritenuto, giustamente o ingiustamente, responsabile. Se e' assolutamente vero che il parlamento deve votare il provvedimento di indulto con maggioranza di 2 / 3 dei deputati e' anche vero che lei, come Ministro della Giustizia e' direttamente chiamato in causa, visto che si tratta di un provvedimento in materia di giustizia, per l'appunto.Io come cittadino, ma credo anche la maggior parte degli italiani, ci chiediamo come mai, in un paese dove gia' i tempi dei processi sono incredibilmente lunghi (e quindi si ha sovente una percezione distorta del buon corso della giustizia), si sia deciso di abbracciare questo provvedimento, che piu' negli interessi dell'Italia e' stato fatto negli interessi dei delinquenti. Mi scusi, ma con tutti i problemi che ha la giustizia italiana, primo fra tutti quello di non riuscire, spesso, ad assicurare la pena a chi se la merita, voi decidete di scarcerare una buona parte di quelle persone che, grazie al lavoro delle forze dell'ordine e della magistratura sono finalmente dietro le sbarre? Spesso inoltre sono state invocate le condizioni pietose delle carceri come alibi per il provvedimento, ma in questo caso non sarebbe stato meglio lavorare per migliorare le condizioni di trattamento dei detenuti (cosa per altro assolutamente giusta e doverosa), invece di fare uscire diverse migliaia di delinquenti dalle carceri? Avete approvato inoltre un provvedimento che non era per nulla gradito alla maggioranza degli italiani e che non ha giovato alla sicurezza del paese e dei cittadini e all'immagine della giustizia di cui lei, come nostro rappresentante, e' diretto responsabile. Detto questo, le posso assicurare che i cosiddetti "fan" di Grillo,scesi a DECINE di MIGLIAIA in piazza questo 8 settembre, non sono assolutamente "cechi seguaci", ma persone reali, di diversa eta' e professione che forse hanno tenuto gli occhi chiusi per troppo tempo in passato, ma le posso assicurare che in questo momento e nel futuro prossimo venturo li terranno ben aperti.

Grazie

Francesco

giovanni ha detto...

signor ministro, la politica non rappresenta più il paese. In una democrazia i rappresentanti dovrebbero essere (o almeno sforzarsi di essere) la parte di paese che rappresentano. Se un politico vive in una villa blindata, va in parlamento scortato, non esce mai, si rifugia, finisce inevitabilmente col perdere contatto con la realta. Sia a destra che a sinistra i politici perdono gli ideali e si rintanano nel loro castello dorato da 15.000 euro al mese più molte agevolazioni varie.
Se Casarin fino a che non era parlamentare prendeva l'autobus e viveva con 600 euro al mese, nel momento in cui ne prende 15.000 e va in giro con l'auto blu finisce di preoccuparsi dei problemi che aveva prima.
La soluzione che proporrei io è più semplice, senza partiti, ognuno vota chi gli pare fra i cittadini italiani, chi accetta la carica di parlamentare, smette di fare il suo lavoro ma prende lo stipendio mensile che mediamente ha percepito nei 3 anni precedenti, senza nessuna altra agevolazione, sei stipendiato senza lavorare, solo cosi chi prende 600 euro al mese si batte per il miglioramento dei suoi pari e chi ne guadagna 20.000 al mese si batte per lasciare inalterate le cose.
solo così, basta poltrone, scambi di favori, e politici "mestieranti"

questo è il mio pensiero, elaborato solo con la mia mente, senza grillo ne altri capopoli.

Andrea Lisi ha detto...

BENE: avvicinarsi a internet e ai blogs significa avvicinarsi alla gente.

MALE: prendersela con Grillo. Va soltanto ringraziato perchè ha dato voce al malessere generale.

CONSIGLIO: io cercherei di capire un po' di più e farei meno polemica con chi non ha la mia stessa opinione.

Ma, alla fine, quello che importa è stare in pace con sé stessi... per cui:

Auguri!

Andrea Lisi ha detto...

8 settembre 2007 0.05

è la data dell'ultimo commento sul blog...

sono le 17:00 del 11 settembre 2007... a proposito l'ora sul blog è sbagliata...

c'è forse una censura dietro l'attesa per vedere pubblicati i propri commenti?

brutta cosa...

A.C ha detto...

Non si abbatta e si faccia forza. La vita è talmente piena di cose belle che Grillo dovrebbe sembrarle una ''quisquiglia''.

Come molti altri il noto comico di ''collodiana memoria'' stà facendo breccia nel malumore della gente, abusandone in modo ignobile. Il v-day come altre sue trovate non sono che ''soluzioni'' placebo in cui incanalare i consensi della gente con il fine ultimo di aumentare la vendità dei suoi libri/dvd.

Ma come tutti gli spettacoli anche il suo avrà un termine.

Seamus ha detto...

Gentile Sen.Mastella,

lei NON riscuote le mie simpatie in quanto, pur rappresentando la fazione che io stesso ho votato (intendo il centro sinistra) è ben lontano dai miei ideali... tuttavia le riconosco una certa dose di coraggio e di correttezza politica nel mettersi in gioco attraverso uno strumento "giovane" ed incontrollabile quanto un blog...

per questo le voglio dare l'ottima opportunità di smarcarsi dal "pericolo Grillo" rispondendo a questo semplice messaggio...

vorrei infatti discutere con lei sul rifiuto a priori che sta mostrando circa il punto di vista di Grillo (e di molti di noi)

La realtà dei fatti ci dice che viviamo in un mondo in cui i politici sono più autoreferenziali che mai...

NON ci permettete di scegliere i nostri candidati (ovvero, chi sceglie gli eleggibili? VOI... a noi tocca votare il "meno peggio"), NON ci permettete di reclamare il rispetto per le leggi (24 parlamentari "illegali" in quanto pregiudicati la dice lunga a riguardo), NEGATE a NOI poveri mortali quanto VOI STESSI avete già (parlo dei DICO ma anche di altri privilegi particolari), AFFERMATE di difendere una morale e fate l'esatto opposto in molte occasioni... [ecc ecc]

quindi, Sen.Mastella, pensa di cavarsela, LEI e tutta la classe politica, tacciando Grillo di antipolitica e dando a tutti coloro che si riconoscono nel suo grido d'allarme dei qualunquisti?

Noi elettori non siamo TUTTI schiavi di un'ideologia granitica o di precetti proto-religiosi che ci impongono di scegliere in un dato modo...

Noi elettori, i vostri datori di lavoro, come ci chiama Grillo, siamo stufi marci di vedere la vostra cronica sufficienza alle nostre critiche, il vostro elitarismo che è possibile solo perchè, per diventare elegibile, bisogna anche essere invischiato nel sistema che avete creato...

se lei crede che la contrapposizione a Berlusconi (il male maggiore) ci possa convincere in eterno a supportare (o dovrei dire sopportare) le vostre inadeguatezze, si sbaglia... il paese è in condizioni critiche per colpe distribuite (in vari pesi) tra tutti voi...

ed il primo che trova le soluzioni sarà il nuovo padre della patria...

se la sente di ricoprire tale ruolo? se si, inizi subito, ne ha l'opportunità...

con rispetto,
Seamus

NB: se vuole approfondire ulteriormente l'argomento, me lo faccia gentilmente sapere qui sul suo blog.

Riccardo Rivoli ha detto...

Ministro,
è un po di giorni che noto con dispiacere che il numero dei commenti relativi a questo post è fermo a 22.
C'è qualche problema nei contenuti?
Sentirsi dire dai cittadini quelle cose un po la ferisce vero?
Purtroppo è la realtà....
Siamo in un periodo molto delicato e particolare della politica, il ventre di vacca nel quale lei e i suoi colleghi (di oggi e di ieri) per anni vi siete crogiuolati, sta cominciando a cedere.
A volte l'ammissione di colpe aiuta a riprendere la retta via...... sarebbe il caso che tutti voi vi metteste una mano sulla coscienza e faceste MEA CULPA.
E' il momento in cui o ci dimostrate con fatti concreti la vostra buona volontà oppure vi levate PER SEMPRE dalle scatole.
Siete vecchi, questa è la realtà dei fatti!!!
SIAMO STANCHI

michele billato ha detto...

caro clemente,
ma ti pare che in un blog normale i commenti debbano essere approvati dal blogger per poter essere pubblicati?
se vuoi veramente stare vicino alla gente ne hai ancora molta di strada da fare, te lo dice un 18enne!

Sandro Gozzi ha detto...

Gentile Ministro Mastella,mi scusi ma non puo' considerare fascista chi vorrebbe solo che i delinquenti scontassero la pena in galera soprattutto se sono pericolosi e senza scrupoli.

Se poi si aggiunge il sospetto che l'indulto e' servito a certi amici degli amici la cosa fa ancora piu' male..

Signor Ministro nessuno vuole il fascismo,ma vorremmo passeggiare un po' piu' tranquilli per le strade e di notte dormire senza il terrore..

Chiediamo troppo???

Distinti Saluti

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Scusi Gozzi qui sopra, un commento fa, ho appena risposto sul perchè dico che quell'operazione delle foto è stata un'operazione fascista e lei, senza degnarsi di spendere due minuti del suo tempo, o di capire la risposta, la ignora bellamente. Ma che cosa vuole che le dica?

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Caro Billato diciottenne fatti un giro sulle altre piattaforme e su questa. Sono molti i ragazzi che moderano i commenti come prassi. Non vedo perchè non possa farlo io. Vuoi leggere le minacce di morte, le istigazioni alla violenza nei miei confronti, le bestemmie e le parolacce. Dirigiti altrove. Io le taglio.

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Caro Rivoli io non sto tutto il giorno attaccato al pc per rispondere al blog così che lei si senta soddisfatto. Mi scusi. E se non ha pazienza di attendere gli aggiornamenti, che pure mi sembrano molto veloci, si vada a fare un giro su altri siti. Mentre io invecchio, lei si sentirà più giovane .

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Caro Lisi anche per te la stessa risposta: se pensi che io sia tenuto a rispondere o a scrivere nuovi post quotidianamente hai capito male. E hai capito male sia l'uso di un blog sia lo spirito. Oltre al fatto che aggiorno il mio blog quando mi va. Dal momento che è mio.

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Seamus, la legge elettorale che impedisce le preferenze è stata imposta dal centrodestra e definita una porcata dagli stessi appartenenti al precedente governo e alla precedente maggioranza. La preferenza è infatti quella "cosa" che consente la scelta, da parte degli elettori, del proprio candidato. Io sono da sempre per il sistema proporzionale e per il ripristino delle preferenze. Quindi non capisco che vuole da me.

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Giovanni, non si offenda, ma mi verrebbe da dire che il fatto che l'idea sia partorita tutta dalla sua mente si vede!

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Cara Annalisa Nava: a me era sembrato carino invece! Nulla di offensivo. E poi...lei si è sentita offesa dalle mie parole? Mentre mandarmi a fanculo o paragonarmi agli assassini con tanto di foto segnaletica lo dovrei prendere con filosofia vero? Scusi, ma si è bevuta il cervello anche lei?

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Caro Alberto ci vuole più coraggio ad aprire un blog pubblico e prenderseli i vaffanculo che salire in piazza. Dove sta il coraggio?

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Caro Francesco il "ciechi" si riferiva chiaramente ad alcune cose precise e non certo alla critica pacata verso l'indulto che lei fa con educazione e serenità di giudizio.E che rispetto totalmente.

Raffaele ha detto...

Caro ministro,

aprire un blog dimostra che ha intenzione di cimentarsi con i pensieri più frequenti della gente comune, lodevole iniziativa, solo che la censura non appartiene come logica a questo mondo virtuale anche se la inviano a fan…..
La questione Grillo? Premessa, sono un elettore di centrosinistra ed ho partecipato al V-day. Non è una contraddizione, anzi questo le può lasciare intuire dove sono finite le nostre speranze sull'operato del governo e sulla classe politica.
Dapprima il libro "La casta" ha dato una prima scossa, poi l'uragano Grillo ha iniziato a demolire le fondamenta e domani? Arriverà qualche Tsunami?... Speriamo di si.

T.R.
Latina

maurizio ha detto...

Scelgo di non parlare di Grillo.
Vorrei però che lei parlasse di come fa a fare nello stesso tempo il senatore, il sindaco, il ministro e l'eurodeputato.
Ci dica qual è il segreto per fare 4 cose importanti insieme senza trascurarne alcuna.

Grazie

ANDREA D ha detto...

com'era il gran premio????un po noisetto..per fortuna il viaggio è andato meglio...aereo di stato e elicottero..complimenti per la scelta...i soldi per pagare sono suoi??mi sa di no!mi sa che erano nostri...e poi mi sembra giusto,noi lavoriamo 8 ore al giorno per guadagnare 1200euro e per pagarle il viaggio!io mi vergognerei un po!!gente muore di fame per mantenere i figli e lei se ne va a spasso con i nostri soldi!!ma suo figlio lo sa??non si vergogna di lei??complimenti(e non usi la scusa dell'impegno ufficiale,esistono i treni da 40€ per andare fin là!!e non il suo viagetto da 20.000€!!)VERGOGNA!!

Gustavo La Quaglia ha detto...

Onorevole!.;:
E che è?????
Le pare bello scrivere grillo e no Grillo???
Ma che fa, alla sua età e col Suo blasone.:!;
I dispettucci, le ripicche, le vendettuccie.....
E poi, dopo il libro La Casta, ancora non avete capito che NON dovete più prendere aerei da 55 mil di euro col Suo figliolo per andare a premiare un pilota di auto.
Si rende conto dell'inutilità di questa spesa enorme, rispetto ad altre esigenze...
La prego, facci il bravo!!!;:::...

Anonimo ha detto...

Ministro, di Grazia....
chi ha vinto a Monza ??

Il cane di Jack ha detto...

Capisco Senatore Mastella la foga e la partecipazione che mette nelle sue risposte, ma non credo che faccia bene a trattare la maggior parte dei suoi commentatori come nemici. La gente che scrive su questo blog non aspetta altro che lei, da questo momento, tragga insegnamenti, spunti e suggerimenti per diventare un politico e un ministro migliore. A prescindere dal suo passato!
Ha due possibilità, secondo me: o litigare con la gente o dialogarci. Può anche non rispondere a chi vuole solo litigare, ma ha il dovere, se vuole dare un senso compiuto a questo spazio di spiegare e di render conto degli atti compiuti e delle posizioni prese. E' vero: lei non è un mio dipendente. Lei, volente o nolente, è un servitore della Repubblica, faccia vedere che ha idee meditate e non posizioni preconcette. Liquidare i lettori dicendo che il limite della doppia legislature è irrealistico non basta. Occorre che lei spieghi le ragioni della sua affermazione e mostri soluzioni alternative a quello che è realmente un problema: la mancanza di ricambio nella politica.
I miei migliori saluti

Roberto ha detto...

Caro Senatore,
Le scrivo perchè vorrei alcuni chiarimenti riguardo al servizio dell'Espresso sull'uso che Lei e l'on. Rutelli avete fatto dell'aereo di Stato (prezzo stimato 20mila euro ca).
Lei dice di essere stato invitato dall'organizzazione del Gran Premio per presenziare alla cerimonia: significa che sono stati quelli dell'organizzazione a pagarLe il volo o che Lei richiederà un rimborso spese o il viaggio è stato pagato dallo Stato italiano? In quest'ultimo caso, non sarebbe stato forse più opportuno fare ricorso ad altri mezzi meno costosi che potrebbero comunque tutelare la Sua sicurezza (tipo un volo di linea con bodyguard al seguito). Se tiriamo in ballo questioni di sicurezza poi, perchè Padoa Schioppa viaggia su voli di linea (addirittura fonti riportano che talvolta usa i low-cost)?
Nonostante sia reticente a cavalcare le onde dei movimenti urlati, penso comunque si debba prendere atto che dal V-day e dal successo de "La casta" il quadro che ne emerge è che noi cittadini pretendiamo più trasparenza e correttezza nell'uso del danaro pubblico, dato che non vediamo che sprechi ed abusi. Ciò si traduce in mancanza di fiducia nella classe politica e Le spiego perchè questo non è 'grillismo'. Vivo all'estero da più di 4 anni e parlo spesso di politica ed economia con i miei colleghi stranieri (francesi, tedeschi, inglesi, americani e giapponesi). Anche quando assumono posizioni critiche nei confronti della società o della situazione economica, lo fanno nella assoluta convinzione che attraverso la politica si possano risolvere i problemi. Quando torno in Italia, nei pensieri dei miei coetanei, c'è solo rassegnazione ed indignazione nei vostri confronti.
Non pensa che sarebbe opportuno, per riavvicinarvi ai cittadini, spiegare pubblicamente il perchè di certi sprechi, fare pubblica ammenda e dimostare che state facendo qualcosa per evitarli?
Grazie e mi scuso per il lungo commento.

luca donati ha detto...

Signor Ministro,
qualunquismo e populismo e tutti questi aggettivi non si sono purtroppo autogenerati tra le persone ma sono una delle risposte endemiche seguite all'azione politica della classe dirigente dal dopoguerra ad oggi. E' troppo facile quindi criticarle come una cosa estranea, mentre invece sarebbe forse più giusto valutarne responsabilmente le cause.

Luca Donati

p.s. Devo darLe atto di stare cercando (finalmente) un contatto coi Suoi concittadini

StefanoB. ha detto...

Gentile sig. Mastella,

leggendo qualche sua risposta a legittime domande e opinioni di noi blogger, ho notato un buon livello di maleducazione da parte sua
Non se ne accorge? O è deformazione professionale?
Saluti
StefanoB.

La Bella Patria ha detto...

On Mastella, Mi stupisce che non provi vergogna, è da politici seri, come sostengo sia Lei, visto il ruolo che copre, che dovrebbe partire un'iniziativa per sensibilizzare i suoi colleghi a ridursi lo stipendio e rinunciare ai vantaggi a voi offerti da sempre. Il libro "La Casta" ci ha aperto gli occhi, è ora che anche per voi inizi il momento di riconoscere di essere PARASSITI!

Luca Baldazzi ha detto...

Bene sen. clemente mastella... continuiamo cosi.
Ma cosa ti costava prendere un volo di linea per spostarti da roma a Milano? Il biglietto troppo alto, fai come noi, prenota dei Low Cost.

Ho 37 anni e da quando voto non ho mai avuto dubbi.. ma ora, ad ogni telegiornale, ad ogni articolo di giornale, ho sempre più dubbi!!!!

Mi fermo qui.. magari con piu' calma riuscirò a scrivere qualcosa di sensato senza offendere nessuno.

Grazie per lo spazio che mi hai concesso.

Luca

Andrea ha detto...

ma per favore!!Qualunquismo e populismo sono cose passate!qui si parla di voglia di democrazia e di GIUSTIZIA quella vera!!non quella creata ad hoc! per cortesia!!cerchiamo un po' di onestà!la gente è stanca delle solite facce o dei condannati!!cerchiamo facce nuve,pulite!chiunque saprebbe fare il politico meglio di alcuni che lo fanno ora...anzi...di MOLTI che lo fanno ora!!

Andrea ha detto...

Non riesco a smettere di ridere. Ma dico io..non potevi parlare solo in tv che non la vedo già da anni? Pure su internet devi andare a finire? Dai su, a casa nonno tordo che l'ora è tarda.

cristian ha detto...

Caro Clemente, vorrei esprimere il mio disappunto riguardo le notizie che vengono pubbblicate sui giornali italiani in queste ultime settimane.
Ho letto recentemente che lei ha acquistato in zone centrali di Roma decine di vani a prezzi di favore, che ha volato a Milano con un aereo di stato per assistere al gran premio di formula uno, che suo figlio e` stato assunto come consulente, ho assistito al suo abbandono dal parlamento durante la seduta del cda della rai, se ne e` andato via durante la trasmissione di santoro senza replicare alle scomode domande e insinuazioni di ambigui personaggi, senza contare le notizie sui viaggi organizzati da sua moglie a new york per decine di compaesani per promuovere una fantomatica campagna sul turismo campano.
Personalmente sono apolitico, non voto da 15 anni, e non ho preferenze o vedute politiche di alcun tipo; le sarei grato se potesse smentire tutte queste accuse mosse nei suoi confronti dalla stampa in modo chiaro e inequivocabile, almeno mi toglierebbe il beneficio del dubbio, essendo un contribuente e cittadino italiano credo di avere il diritto ad una risposta esauriente dal ministro della giustizia italiana.

Un saluto da Londra

Cristian

Sen.Clemente Mastella ha detto...

Ho scritto degli appositi post sugli argomenti dei qualilei mi chiede conto. E che può tranquillamente leggere. Quanto agli ambigui personaggi che avrei conosciuto o dai quali sono stato invitato a un matrimonio,c'è da dire che oramai tutti sanno che all'epoca dell'invito non si era a conoscenza dei fatti.